fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
Bambole
bambole"BAMBOLE"

studio sulle figure femminili del teatro di Ibsen 

con Simonetta Bacigalupi, Cristina Conti, Mariagiulia  Dazzi, Teresa Direnzo, Ilaria Rocchi, Mariateresa Spadini

e con l'amorevole partecipazione di Nicola Battaglini, Simone Merli, Giancarlo Mottini, Alessio Nicolai, Luigi Pellegrini

a cura di Virginia Martini con la collaborazione di Matteo Procuranti

 

BAMBOLE è un'esercitazione sulla costruzione del personaggio che prende spunto dalle protagoniste femminili dei sei drammi familiari del massimo autore teatrale norvegese nonchè padre fondatore della drammaturgia europea di fine Ottocento.
"Casa di bambola", "Edda Gabler", "Spettri", "La donna del mare", "Rosmersholm", "L'anitra selvatica".
Tutti questi testi sono ambientatiall'interno di salotti.
Il salotto è di solito lo spazio "borghese" per eccellenza dove si consumani rituali mondani.
Ma per Ibsen il salotto è invece il luogo in cui ci si confronta, ci si svela, ci si confessa.
Quando i personaggi stanno più comodi, sprofondati in divani e poltrone, parlanopiù liberamente, sono disposti a narrare l'inenarrabile.
Freud farà stendere i suoi pazienti sul lettino.
A Ibsen basta la posizione seduta.
E la sua attenzione è centrata sulla relazione uomo-donna nella società borghese.
Erroneamente questi personaggi femminili sono stati considerati antesignani di un femminismo ben lontano dal manifestarsi.
Le donne di Ibsen sono ancora e soltanto soprammobili.
Tutto sempre stretto e composto in una parvenza di decoro formale.
Sono in discussione i confini differenti entro i quali si dispiega il destino del maschio e quello della femmina, quest'ultima relegata esclusivamente ai ruoli di moglie e madre.

Senza la pretesa di voler mettere in scena le vicende narrate nei sei drammi, BAMBOLE propone un viaggio nell'universo psicologico ed emotivo delle protagoniste.

Esercizio attoriale in cui la presenza maschile si limita ad essere funzionale senza mai diventare relazione reale, gli uomini sono qui proiezione dell'immaginazione femminile.

 

guarda le foto

 

Newsletter